NOVITA': Ti serve una consulenza rapida sui CAM, entro 2 ore? Clicca qui

Ultime Notizie mondo LEED

GREENiTOP: primo motore di ricerca per aziende "green", in primis LEED

GREENiTOP è pensato per professionisti, designers, architetti intenzionati a trovare ed acquistare prodotto con crediti LEED e non solo.

Con il termine "green" s’intendono quei manufatti con requisiti ambientali internazionalmente riconosciuti, secondo la norma ISO 14020 Environmental labels and declarations - General principles, in primis LEED.

Questi requisiti vengono poi attestati attraverso la concessione in uso di appositi Product Badge, denominati GiT.

Il processo di attestazione viene garantito da un Advisor che opera attraverso proprio personale qualificato e nel rispetto della normativa UNI CEI EN ISO/IEC 17024Conformity assessment - General requirements for bodies operating certification of persons”.

ATTESTAZIONE

La norma ISO 14020: Environmental labels and declarations - General principles suddivide le prestazioni ambientali dei prodotti nelle seguenti tre tipologie:

Primo tipoISO 14024 Type I environmental labelling – Principles and procedures

Secondo tipoISO 14021 Environmental labels and declarations – Self-declared environmental claims (Type II environmental labelling)

Terzo tipoISO/ 14025 Environmental labels and declarations – Type III environmental declarations

Qualche esempio?

Primo tipo: sono quelle etichette ecologiche volontarie sottoposte a certificazione esterna (o di parte terza). Sono basate su un sistema che considera l'intero ciclo di vita del prodotto. I criteri fissano dei valori soglia, da rispettare per ottenere il rilascio del marchio. L'organismo Competente per l'assegnazione del marchio può essere pubblico o privato. Esempi di etichettatura di primo tipo sono: Ecolabel, Nordic White Swan, Blaue Engel, NF Environnement, Stichting Milieukeur, Umweltzeichen Baume, AENOR Medio Ambiente, Canada Environmental Choice, Eco Mark, ecc.

Secondo tipo: sono quelle etichette e dichiarazioni ecologiche che riportano informazioni ambientali dichiarate da parte di produttori, importatori o distributori di prodotti, senza che vi sia l'intervento di un organismo indipendente di certificazione (tra le quali: ”Riciclabile”, “Compostabile”, ecc.). La norma prevede comunque una serie di vincoli da rispettare sulle modalità di diffusione e i requisiti sui contenuti dell'informazione.

Terzo tipo: sono quelle dichiarazioni ecologiche che riportano informazioni basate su parametri stabiliti che contengono una quantificazione degli impatti ambientali associati al ciclo di vita del prodotto calcolati attraverso un sistema LCA. Sono sottoposte a un controllo indipendente e presentate in forma chiara e confrontabile. Tra di esse rientrano, ad esempio, le “Dichiarazioni Ambientali di Prodotto” o EPD Environmental Product Declaration.

La sintesi di questo processo di classificazione è rappresentato dalla concessione in uso dei Product Badge GREENiTOP, i quali attestano appunto le performances “green” di un prodotto.

GREENWASHING

Sul mercato ci sono circa 800 marcatura “green”, autodichiarazioni e/o certificazioni che affermano che un determinato prodotto ha caratteristiche “verdi". Il cosiddetto Greenwashing per il consumatore è un rischio presente ad ogni acquisto.

Come si può evitare ciò, trovando una strada sicura in questa materia complessa?

Come si può capire se un marchio che si trova su un prodotto o sulla confezione è veramente eco-friendly?

Le necessità di un numero sempre maggiore di consumatori sono molto concrete, come ad esempio:

Quanta energia viene consumata per fabbricare un manufatto (es. emissione di CO2)?

Quante sostanze chimiche emette un prodotto (es. VOC: sostanze organico volatili)?

I materiali di cui è costituito sono salubri (es. problema allergie)

E’ fabbricato in Italia (es. “Made in Italy” o km 0)?

E’ riciclato (es. consumo di materiale)?

E’ riciclabile (es. problema dei rifiuti)?

E’ rintracciabile a livello di filiera (es. carne proveniente da allevamenti controllati o legno proveniente da foreste certificate)

Per orientarsi in questo mercato complesso, i product badge GiT vengono appunto in aiuto del consumatore, classificando i prodotti secondo determinate caratteristiche “green” oggettive e misurabili.

ADVISOR

L’iter di attestazione da parte dell'Advisor avviene secondo i seguenti step:

1. accettazione preventivo e delle policy GREENiTOP (Azienda)

2. raccolta documentazione (Advisor)

3. verifica della documentazione (Advisor)

4. calcolo dei crediti (Advisor)

5. attestazione crediti attraverso assegnazione/mantenimento del product badge GiT (Advisor)

6. caricamento foto/documenti/immagini sul portale GREENiTOP (Azienda)

7. pubblicazione sul portale GREENiTOP (Advisor)

Per maggiori informazioni contattare QualityNet al nr. 049 9003612.

Nella foto sottostante, i fondatori del portale: Alessandro Copelli (sulla sinistra), Iris Visentin (al centro), Davide Copelli (a destra)

DSC_0026