NOVITA': Devi partecipare a una fornitura per un cantiere LEED®? Ti serve una consulenza rapida entro 2 ore? Clicca qui

Leed in Europa: la situazione in Germania, Regno Unito, Francia


In seguito alla diffusione a livello mondiale di una nuova sensibilità per la bio-edilizia, anche in Europa sono state introdotte varie certificazioni d'immobili eco-compatibili, analoghe al LEED. Alcuni paesi europei adottano le stesse misure, ma si affidano a sistemi di classificazione diversi. In Francia, la certificazione LEED è gestita da Care & Bio, Chantier Carbone, e HQE. In Germania, la bioedilizia è certificata da DGNB o Deutsche Gesellschaft für Nachhaltiges Bauen o da German Sustainable Building Council. Nel Regno Unito c'è BREEAM (Environmental Assessment Method for Buildings Around the World).

Il britannico BREEAM definisce gli standard per una progettazione ecosostenibile nonché le successive misure per garantire il buon funzionamento degli edifici nel lungo periodo, tutelando l’ambiente. BREEAM ha fissato le norme per la costruzione di vari tipi di costruzioni tra cui case e appartamenti, edifici industriali, residenze socio-sanitarie, centri commerciali, strutture residenziali, ostelli, scuole ed anche prigioni. La certificazione BREEAM può essere richiesta in momenti diversi della costruzione degli edifici: progettazione, appalto, nella fase successiva alla costruzione o nella fase di gestione e funzionamento. BREEAM è attualmente attivo nel Regno Unito, sebbene abbia progetti di espansione internazionale.

In Germania, il DGNB o German Sustainable Building Council è la principale organizzazione tedesca che promuove progetti di eco-costruzioni. I membri del DGNB sono architetti, inprenditori, progettisti, ingegneri edili ed esperti del settore immobiliare e delle costruzioni. Il sistema di classificazione DGNB premia fondamentalmente gli edifici, basandosi su un sistema di tre categorie: bronzo, argento e oro. E’ possibile registrarsi per la certificare edifici o progetti; sarà disposta una pre-certificazione per iniziare la progettazione e la costruzione. Successivamente l'edificio verrà ispezionato e se del caso, premiato con la certificazione DGNB.

Anche la Francia utilizza un proprio standard per valutare la progettazione e la costruzione di eco-edifici. Questo standard si chiama HQE (Haute Qualité Environnementale). L'approccio implica la rispondenza dell'immobile a 14 criteri, che mirano a incentivare l'uso di risorse naturali, alla riduzione dello scarico di sostanze inquinanti, e al miglioramento degli aspetti di salutistici, correlati agli edifici stessi. Attualmente la Francia sta spingendo affinchè le sue norme HQE siano utilizzate come sistema standard di classificazione Europeo, per ridurre il numero di standard diversi e promuovere una coerenza delle regole europee per gli eco-edifici.